RECORDER • EWI • MELODICA • PIANO player
ANDROID developer
 

MoMi - flauti dolci e altro

"Flutes or Recorders are a brave noble instrument, being skilfully handled"
Thomas Tryon, The way to Health, Long Life and Happyness (London 1683)


Gianluca Barbaro: flauti dolci
Livia Caffagni: flauti dolci
Simone Erre: flauti dolci
Teresa Sherwin: flauti dolci


Le raffigurazioni iconografiche e le prime composizioni dedicate a un quartetto di flauti dolci risalgono già all'inizio del '500. Il successo di questo tipo di ensemble strumentale deriva da diversi fattori. La sonorità di quattro flauti dolci nel Rinascimento rispecchiava quegli ideali estetici tipici dell'epoca: armonia, equilibrio, nobiltà d'animo e signorilità. Nel Barocco la dolcezza della sonorità dei flauti veniva utilizzata per descrivere musicalmente le situazioni legate alla magia, all'amore e al sonno.
Nel XX secolo il suono suggestivo del flauto dolce e le sue possibilità di sperimentazione sonora ha affascinato i principali compositori. Ancora i flauti dolci hanno la caratteristica, unica tra gli strumenti a fiato, di avere una estensione che può andare dal molto acuto al molto grave. Inoltre esistono anche flauti dolci costruiti nelle più diverse tonalità (taglie) e tutto questo conferisce alla formazione una sonorità assolutamente unica. Accanto a questi aspetti però non va dimenticata la flessibilità del repertorio.
Quattro flauti dolci possono suonare qualsiasi tipo di musica: da quella originale a trascrizioni anche molto ardite, da musica originariamente destinata alla voce a composizioni particolarmente virtuosistiche, da musica del Medioevo alle canzoni dei moderni cantautori. L'ensemble MoMi cerca di rispecchiare tutto questo attraverso il rigore interpretativo e una comunicatività musicale tipicamente italiana, tramite la presentazione di programmi non convenzionali, ma anche con un certo effetto sorpresa: MoMi non è solo flauti dolci ma anche altro.

 



Per informazioni e booking:
tel. +39-348.9139070
email me   <at>   barbaro  <dot>  it


i musicisti

Livia Caffagni dal 1986 fa parte dell’ensemble di musica medievale La Reverdie col quale suona (flauti dolci e viella), canta e si dedica alla ricerca musicologica (in particolare semiologia gregoriana e ricerche sul repertorio laudistico dal Due al Quattrocento). La sua attività concertistica spazia però dal repertorio virtuosistico del primo ‘600 (con vari enseble fra cui Ribes Nigrum, Full Fathom Four e recentemente in duo con l’arpista Chiara Granata), al repertorio per flauto dolce solista e orchestra (con l’ensemble Concerto Barocco) e ai compositori del Novecento (con The Modern Recorder Sextett). MoMi è occasione per assaporare il piacere del quartetto di flauti col suo repertorio sconfinato e la sua atmosfera conviviale di nobile raffinato passatempo…
Insegna flauto dolce preso il Conservatorio di Trento.
www.lareverdie.com

«Il suono del flauto dolce è, fra tutti i suoni del mondo, il più piacevole per me». Queste parole, che S. Pepys scrisse nel 1668, Simone Erre le ha fatte sue a partire dal 1982, anno in cui ha inizato a studiare il flauto dolce. Da allora ha iniziato una vita fatta di musica, concerti, corsi, pubblicazioni, registrazioni discografiche e importanti amicizie. Accanto alla passione per la musica e la musicologia ha sviluppato quella per gli studi storico umanistici e per la storia dell’arte. Oltre al Diploma di Flauto dolce ottenuto presso il Conservatorio di Vicenza sotto la guida di L. Caffagni, Simone Erre si è diplomato anche in flauto traverso e traversiere barocco. A Cremona ha ottenuto l’abilitazione per l’insegnamento della musica. È insegnate di Flauto dolce, Musica da camera ed Esercitazioni Orchestrali per strumenti antichi presso l’ISSM “F. Vittadini” di Pavia. Ha due figli che ama alla Follia.
Per tutto il resto: www.giardinodellemuse.com

Flautista dolce e pianista jazz, Gianluca Barbaro insegna presso i Civici Corsi di Jazz di Milano e l'Accademia di Belle Arti di Brera ed è attivo in diversi gruppi di musica Jazz, Antica e Tradizionale. Ha partecipato alla registrazione di diversi album, fra i quali "Cerrimedioatutto" di Franco Cerri, "Improvvisazione Altra", live di Enrico Intra e "Les Folies d'Espagne" dell'Ensemble I Tesori d'Orfeo su musiche barocche francesi.
Si è diplomato in Jazz presso la Civica Scuola di Musica di Milano e in flauto dolce presso l'ISSM Vittadini di Pavia, dove prosegue gli studi nel Biennio di Specializzazione sotto la guida del Mo Erre.
Fra i pochi specialisti al mondo di Jazz suonato con il flauto dolce, spesso utilizza nelle sue performance anche l'EWI (Electronic Wind Instrument) e il flauto traversiere barocco, ed è impegnato al pianoforte in un proprio trio Jazz.

Teresa Sherwin, nata a Sassuolo (MO) nel 1994, ha iniziato lo studio del flauto dolce sotto la guida della madre Livia Caffagni all’età di 10 anni. Dal 2006 al 2012 ha partecipato ai Corsi Internazionali di Musica Antica di Urbino, studiando musica da camera con J. Tyson, L. Cavasanti, G. Nasillo e S. Bragetti, e musica medievale con Claudia Caffagni. Iscrittasi all' istituto musicale pareggiato di Pavia sotto la guida del M° S. Erre nel 2008, si diploma a 16 anni con il massimo dei voti. Dal 2008 inizia anche lo studio del mandolino sotto la guida del M° R.Palumbo e nel 2013 si diploma in mandolino presso il conservatorio Nicolò Piccinni di Bari. Dal 2008 si esibisce in varie formazioni cameristiche con un repertorio che spazia del medioevo al barocco e alla musica etnica. Attualmente frequenta il primo anno del corso di laurea in Logopedia. 

 


 

MoMi Live

Newsletter

Newsletter Barbaro.it

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo